Ufficio Relazioni con il Pubblico

Provincia di Verona


Struttura ricettiva - reclamo

Cosa fare per...
 

Cos'è:

i clienti di strutture ricettive classificate alberghiere e complementari (alberghi, alloggi turistici…..) ai quali fossero richiesti prezzi non conformi a quelli regolarmente esposti nella struttura o che riscontino carenze nella gestione o nelle caratteristiche delle strutture, possono presentare documentato reclamo alla Provincia entro trenta giorni dall’evento.
 

A chi si rivolge:


clienti di strutture ricettive classificate alberghiere e complementari.
 

Cosa fare:

è necessario presentare un reclamo in forma scritta e firmato tramite posta, fax o posta elettronica certificata ai servizi turistico ricreativi della Provincia entra trenta giorni dall’evento, allegando la documentazione che prova la fondatezza del reclamo (ad esempio: prenotazione, conferma della prenotazione, fattura o ricevuta fiscale, foto).

La Provincia, entro trenta giorni dal ricevimento del reclamo, ne informa il responsabile della struttura ricettiva assegnando alla stessa trenta giorni di tempo per presentare eventuali osservazioni e si pronuncia sul reclamo stesso entro i trenta giorni successivi alla data utile per la presentazione delle osservazioni da parte delle strutture ricettive.
Nel caso in cui il reclamo risulti fondato, la Provincia comunica al reclamante e al responsabile della struttura ricettiva che il servizio fornito o il prezzo applicato erano non conformi a quanto previsto dalle norme di legge, dando corso al procedimento relativo all’applicazione della sanzione amministrativa nei confronti della struttura.
Se il reclamo accolto riguarda l’applicazione di prezzi, il responsabile della struttura ricettiva, salva l’applicazione della sanzione amministrativa, è tenuto a rimborsare al cliente l’importo pagato in eccedenza entro quindici giorni dalla comunicazione, comunicando, contemporaneamente, gli estremi dell’avvenuto pagamento alla Provincia.
Se il reclamo accolto riguarda carenze nella gestione o nelle strutture, la Provincia ne dà comunicazione alle autorità competenti per i successivi adempimenti.
 

Modalità di avvio:

su istanza di parte.
 

Normativa:

  • legge regionale 4 novembre 2002, numero 33
  • legge regionale 14 giugno 2013, numero  11.
 

Ufficio competente per l'istruttoria:

(a questo ufficio è possibile rivolgersi per infromazioni prima dell'avvio del procedimento o sul procedimento in corso)
servizi turistico - ricreativi
via delle Franceschine, 10 – 37122 Verona - fax 045 9288359
orario al pubblico: da lunedì al venerdì su appuntamento
referenti:
Roberto Nicolosi - telefono 045 9288306 -  roberto.nicolosi@provincia.vr.it
Barbara Fenzi - telefono 045 9288825 - barbara.fenzi@provincia.vr.it
Laura Peretti - telefono 045 92888363 - laura.peretti@provincia.vr.it
Laura Pizzeghella - telefono 045 9288355 - laura.pizzeghella@provincia.vr.it
Dario Massella - telefono 045 9288340 - dario.massella@provincia.vr.it

Sede di Affi - presso il Centro per l’Impiego - primo piano centro commerciale Località Canove, 1 - 37010 Affi (VR).
orario al pubblico: da lunedì a venerdì su appuntamento
referente: Sergio Marconi - telefono 045 9288113 -  sergio.marconi@provincia.vr.it.

turismo.provincia.vr.@pecveneto.it   (riceve solo da caselle di posta certificata)

provincia.verona@cert.ip-veneto.net  (riceve anche da caselle di posta non certificata)

 

Responsabile dl procedimento:

Roberto Nicolosi
Barbara Fenzi
Laura Peretti
Laura Pizzeghella
Dario Massella
Sergio Marconi.

 

Termine finale:

90 giorni.
 

Tipo di provvedimento:

eventuale erogazione della sanzione.
 

Organo competente all'emanazione del provvedimento:

dirigente.
 

Strumenti di tutela amministrativa e giurisdizionale:

  • contro il provvedimento si può presentare ricorso al tribunale amministrativo regionale (entro 60 giorni dalla notifica o pubblicazione dell’atto) o al Capo dello Stato (ricorso straordinario, entro 120 giorni dalla notificazione o piena conoscenza del provvedimento). I due tipi di ricorso sono tra loro alternativi

  • in caso di ritardo nell’emanazione del provvedimento, si può rivolgersi al dirigente Luigi Oliveri che, in qualità di titolare del potere sostitutivo, può adottare misure e provvedimenti per la conclusione dello stesso.
     

Modulistica:

istanza.
 
Data di aggiornamento: 07/11/2016
 
 
Ultimo aggiornamento: 07/11/2016