Ufficio Relazioni con il Pubblico

Provincia di Verona


Agenzia di viaggio e turismo - autorizzazione apertura

Cosa fare per...
 

Cos'è:


le agenzie di viaggio e turismo esercitano attività di produzione, organizzazione di viaggi e soggiorni, intermediazione, ivi compresi i compiti di assistenza e di accoglienza ai turisti.
La Provincia di Verona rilascia l’autorizzazione all’apertura di agenzie di viaggio e turismo che intendano porre la sede principale nel territorio provinciale.
 

A chi si rivolge:


chiunque ne abbia interesse nella forma di ditta individuale o in forma societaria.
 

Cosa fare:

 
è necessario presentare la S.C.I.A.- Segnalazione Certificata di Inizio Attività - che deve essere corredata  dalla seguente documentazione:
  1. certificato generale del casellario giudiziale, riguardante il titolare ovvero il legale rappresentante e i componenti del consiglio di amministrazione della società nonché il direttore tecnico, qualora trattasi di persona diversa dal richiedente;
  2. certificato dei carichi pendenti della Procura della Repubblica presso la Pretura, riguardante il titolare ovvero il legale rappresentante e i componenti del consiglio di amministrazione della società nonché il direttore tecnico, qualora trattasi di persona diversa dal richiedente;
  3. il certificato di cui all'articolo 67 del decreto legislativo 06 settembre 2011, n. 159, e successive modifiche, riguardanti il titolare ovvero il legale rappresentante e i componenti del consiglio di amministrazione della società nonché del direttore tecnico qualora trattasi di persona diversa dal richiedente;
  4. certificato del tribunale attestante che nei confronti del titolare ovvero degli amministratori e del legale rappresentante della società non sono in corso procedure fallimentari o concorsuali;
A cura della Provincia saranno acquisiti a campione d’ufficio i suindicati certificati che sono stati sostituiti dalle dichiarazioni di cui all’allegato A) e B) della S.C.I.A.
  1. polizza assicurativa di responsabilità civile verso terzi con massimale non inferiore a due milioni di euro, rilasciata da primaria compagnia assicuratrice, a garanzia dell’esatto adempimento degli obblighi assunti verso i clienti con il contratto di viaggio in relazione al costo complessivo dei servizi offerti (art. 71 L.R. 33/2002), ferme restando le disposizioni previste in materia dal nuovo codice del consumo, con espressa indicazione anche della “denominazione adottata”;
  2. dichiarazione del titolare e del direttore tecnico che assicura la prestazione del direttore tecnico, di cui agli allegati C), D) E) della S.C.I.A;
  3. documento da cui risulta la disponibilità dei locali (copia autenticata del contratto di affitto od atto di proprietà dei locali od altro atto regolarmente registrato);
  4. copia del certificato di agibilità dei locali e di destinazione d’uso conforme:
 
Acquisita la documentazione, la Provincia di Verona avvierà un procedimento di controllo di regolarità dell'inizio attività di nuova agenzia di viaggi a seguito della S.C.I.A. e,  in caso di riscontro di documentazione incompleta, provvederà all'emanazione di un provvedimento “conformativo”, cioè la prescrizione rivolta all'utente di modificare o integrare dichiarazioni entro un termine, pena la prosecuzione dell'attività o, in caso di accertamento di violazioni della normativa o rilascio di false dichiarazioni, un provvedimento inibitorio, che vieta la prosecuzione dell'attività.
 
 

Modalità di avvio:


su istanza di parte:

 

Normativa:

  • legge regionale numero 33 del 4 novembre 2002 
  • legge regionale numero 11 del 14 giugno 2013.

 

Ufficio competente per l'istruttoria

(a questo ufficio è possibile rivolgersi per infromzioni prima dell'avvio del procedimento o sul procedimento in corso)
servizi turistico ricreativi -via delle Franceschine, 10 (secondo piano) – 37122 Verona
telefono 045 9288305 fax 045 9288359
lunedì e giovedì 8.30-12.30 (su appuntamento il pomeriggio dalle 14.30 alle 16.30)
referenti:  Simonetta Segneghi - simonetta.segneghi@provincia.vr.it
turismo.provincia.vr@pecveneto.it (riceve solo da casella di posta certificata)
provincia.verona@cert.ip-veneto.net (riceve anche da casella di posta non certificata).

 

Responsabile del procedimento:

Termine finale:

60 giorni.
 

Tipo di provvedimento:

determina dirigenziale; silenzio assenso.
 

Organo competente all'emanazione del provvedimento:

dirigente del servizio.
 

Strumenti di tutela amministrativa e giurisdizionale:

  • contro il provvedimento si può presentare ricorso al tribunale amministrativo regionale (entro 60 giorni dalla notifica o pubblicazione dell’atto) o al Capo dello Stato (ricorso straordinario, entro 120 giorni dalla notificazione o piena conoscenza del provvedimento). I due tipi di ricorso sono tra loro alternativi.
  • in caso di ritardo nell’emanazione del provvedimento, si può rivolgersi al dirigente LUIGI OLIVERI che, in qualità di titolare del potere sostitutivo, può adottare misure e provvedimenti per la conclusione dello stesso.
     

Modulistica:

 
data aggiornamento 11/10/2016
 
 
Ultimo aggiornamento: 07/11/2016